C’era una volta un corvo pieno di superbia. Un giorno trovò delle penne di un pavone per terra. Abbagliato dalla bellezza di esse, le raccolse e se le attaccò alla sua coda, rinnegando i suoi simili.

Lasciò il paese dei corvi per andare in quello dei pavoni. Qui, però, fu smascherato e deriso. Così ritornò al suo paese nativo, umiliato e ferito.

Incontrò un corvo, un tempo suo amico, che gli disse: “tu qui non sei il benvenuto, hai rinnegato la tua famiglia per appartenere ad un’altra e non hai saputo accettare cosa ti ha dato la natura, guardandoci dall’alto in basso”.

Il corvo superbo, sentendo queste parole, rimasto solo e senza amici, decise di emigrare il più lontano possibile.

Morale: chi desidera essere ciò che non è, e non apprezza ciò che ha, sarà costretto prima o poi a subire umiliazioni e vergogna. Quindi restate come siete, non cercate di essere qualcun altro!