In questo libro viene narrata la storia di una ragazzina, chiamata Scout. E’ molto vivace. Sua madre è morta dopo averla data al mondo, perciò non l’ha mai conosciuta. Suo padre, Atticus, è un avvocato. Un giorno decide di difendere un uomo di colore dalle accuse di stupro nei confronti di una ragazza. Questo però è un fatto scandaloso negli anni in cui si narra la vicenda, perchè c’è ancora il problema del razzismo. Scout, quindi, deve superare difficili situazioni dovute alle prese in giro da parte dei suoi compagni di scuola. La storia finisce con la morte di Tom Robinson, l’uomo di colore difeso dal padre della ragazzina. 

Il buio oltre la siepe è stato scritto da Harper Lee nel 1960. E’ ambientato in America, nell’epoca del razzismo.

Scout è una ragazza decisa e determinata. È molto in gamba ed estroversa; è testarda e vuole sempre avere l’ultima parola. Si arrabbia facilmente e prendea botte tutti quelli che hanno idee diverse da lei. Da tutta la contea è considerata male perché mette i pantaloni e non si comporta come signorina per bene. E’ molto affezionata al fratello, Jem.

Jem ha conosciuto sua madre prima che morisse e non l’ha mai dimenticata. Ogni tanto mentre gioca si ferma e si ritira in un angolo. Da questo si capisce che è un ragazzo molto sensibile.

Atticus è un avvocato. Riesce sempre a tenere la calma anche in situazioni d’estrema difficoltà. Alza di rado la voce o suda quando è arrabbiato o agitato.  È un uomo che sa sempre consolare la gente nei momenti di bisogno e sa sempre cosa dire al momento opportuno ed è molto spiritoso.