C’è sempre meno tempo e meno voglia di passare il tempo tra i fornelli, e in Italia è triplicato l’acquisto ed il consumo di verdure pronte in sacchetto, di sughi pronti e piatti congelati. Tale tendenza riflette anche il fatto che negli ultimi anni le famiglie sono sempre di più caratterizzate da coppie dove entrambi i coniugi esercitano un’attività lavorativa e da single che hanno poco tempo e voglia di dedicarsi alla cucina. 

Dalle ultime statistiche  gli italiani scelgono sempre di più i piatti pronti che, pur tuttavia, arrivano a volte a costare ben cinque volte di più rispetto alle stesse quantità preparate ai fornelli. Al bando i prelibati manicaretti delle nonne, preferiamo una confezione di cibo pronto che ci consente di dedicare il nostro tempo al lavoro, allo sport o agli hobby. I numerosi locali di fast food presenti nel nostro territorio  soddisfano il bisogno di mangiare senza perdere tempo inutilmente, Si tratta di luoghi dove si consumano pasti definiti Fast-Food, dove si offre la possibilità di mangiare in modo abbastanza gustoso, ma con estrema velocità.  Spesso infatti non ci si può permettere di aspettare che vengano cucinati piatti più complessi e, soprattutto, non c’è il tempo di sedersi ad aspettare che questi vengano serviti.  Ecco che il Fast-Food risolve il problema. Rimane impressa nella nostra immagine di nostalgici del passato il ricordo della nonna alle prese con pentole e stoviglie e dei profumi di cibi bolliti pronti a soddisfare i languori dei commensali.