Mi permetto di rendervi partecipi al mio disgusto.

 Sempre arte sì, ma cerchiamo di non varcare quella soglia detta “limite di decenza“.